AROMATERAPIA E OLI ESSENZIALI

Il termine “Aromaterapia” è un neologismo del XX secolo derivante dall’unione di due vocaboli di origine greca. Aroma (pianta aromatica, sostanza aromatica, profumo, spezia) e terapia (trattamento curativo o palliativo per alleviare dolori).

Letteralmente la parola Aromaterapia significa “trattamento curativo o medico con sostanze aromatiche”.

 AROMATERAPIAjpg

La creazione del termine aromaterapia si deve al chimico francese Rene – Marice Gattefosse (1881 – 1950) che coniò il termine Aromaterapia nel 1928 dopo essersi curato una bruciatura alla mano mettendola in un recipiente contenente olio essenziale di lavanda. Nel 1937 fa la sua ufficiale apparizione in pubblico, in seguito alla pubblicazione del libro “Aromaterapia – gli oli essenziali – ormoni vegetali” R.M. Gattefosse. È durante la seconda guerra mondiale che il termine Aromaterapia e l’uso delle sostanze aromatiche cominciarono il loro sviluppo e affermazione nella società moderna, grazie al chirurgo francese Jean Valnet (1920n – 1995) che mescolava gli oli essenziali con piante aromatiche per curare ferite, bruciature e successivamente, ne estese l’uso al trattamento di disturbi psichici.

 

L’Aromaterapia, intesa come disciplina che utilizza piante aromatiche e oli essenziali e che promuove una vita in armonia con la natura, è quindi relativamente moderna. È una pratica olistica che agisce su processi fisici, mentali e spirituali attraverso l’uso di essenza aromatiche che rappresentano la componente più evoluta del mondo vegetale, l’anima della pianta, la sua personalità: non a caso il termine essenza, in filosofia, significa la natura più intima e profonda di un essere. L’olio essenziale è costituito da molecole, è pur sempre materia, ma estremamente purificata e raffinata, è l’informazione che fa da tramite tra il mondo materiale e lo spirito.

 

L’Aromaterapia diventa parte integrante di una nuova visione armonica del mondo, dove diventa fondamentale ritrovare una connessione col regno naturale, e ristabilire ENERGIA POSITIVA. È proprio da un punto di vista energetico che gli oli essenziali e l’aromaterapia giocano un ruolo predominante: le essenze agiscono a livello del corpo eterico e le ricerche a riguardo hanno dimostrato che le piante, in particolare fiori ed alberi, possiedono una radiazione energetica molto simile a quella emanata dal corpo eterico dell’uomo. L’impercettibile essenza eterica dei fiori e della piante entra in contatto con i copri energetici dell’uomo attraverso i chakra, liberando in questi le loro energie curative e armonizzanti.

OLI ESSENZIALI

Gli oli essenziali sono miscele complesse di sostanze organiche volatili, di composizione chimica diversa, contenute nelle diverse parti delle piante (fitocomplesso). Vengono ricavati mediante distillazione in corrente di vapore per mezzo di procedimenti meccanici idonei.

UTILIZZO DEGLI OLI ESSENZIALI

ALIMENTI: per aromatizzare yogurt, dolci, salse, aceto balsamico, oli di condimento, bevande e liquori 

LAMPADE PER AROMI, FONTANE, UMIDIFICATORI E PROFUMATORI: per purificare l’aria dal fumo e dai cattivi odori in casa, in ufficio o in automobile

MASSAGGI: Rinfrescanti, stimolanti, rigeneranti, riequilibranti, calmanti, sensuali e disintossicanti.

BAGNI: Rinfrescanti, stimolanti, rilassanti, riequilibranti, calmanti, sensuali e disintossicanti. Per sauna e pediluvio.

BAGNIjpg COSMESI NATURALE: trattamenti viso, corpo, cura della pelle, compresse, maschere, tonici, deodoranti, bagnodoccia, shampoo e cura dei capelli.

BENESSERE DELLA PERSONA: per il relax e il riposo. Per migliorare le respirazione e la prevenzione nella stagioni fredde. 

ATTIVITA’ MENTALE: per stimolare la concentrazione e la meditazione. 

PROFUMI: per la creazione di Parfum, Eau de Toilette, Acque di Colonia.


UTILIZZO OLI ESSENZIALI NELL'INTEGRAZIONE ALIMENTARE E AROMATERAPIA 

·         Anice Stellato: utile pe regolare la fluidità delle secrezione bronchiali anche grazie al suo potere balsamico.

·         Arancio Amaro: utile per regolare la motilità e favorire l’eliminazione dei gas a livello gastrointestinale.

·         Arancio Dolce: utile per favorire la funzionalità digestiva e l’eliminazione dei gas a livello gastrointestinale.

·         Cannella: Utile per coadiuvare il controllo del metabolismo degli zuccheri

·         Citronella: utile per favorire il rilassamento e il benessere mentale

·         Eucalipto: utile per mantenere la funzionalità della mucosa orofaringea grazie al suo potere balsamico

·         Finocchio: utile per favorire la funzionalità digestiva e favorire l’eliminazione dei gas a livello intestinaleSUFFUMIGIjpg

·         Garofano: utile per favorire il benessere del naso

·         Ginepro: utile per favorire la funzionalità delle vie urinarie

·         Lavanda: Utile per favorire un fisiologico tono dell’umore e per favorire il rilassamento

·         Limone: utile per regolare la motilità e favorire l’eliminazione del gas intestinali.

·         Mandarino: utile per favorire il rilassamento e il benessere mentale

·         Melissa: utile per mantenere un fisiologico tono dell’umore e per favorire il rilassamento

·         Menta: utile per favorire la funzionalità digestiva, regolare la motilità e favorire l’eliminazione dei gas a livello gastrointestinale

·         ORIGANO: utile a regolare la motilità e favorire l’eliminazione dei gas a livello gastrointestinale

·         Pino Mugo: utile per favorire il benessere di naso e gola grazie al suo potere balsamico

·         Rosmarino: utile per favorire la funzionalità digestiva ed epatica

·         Salvia: utile per regolare il processo di sudorazione

·         Tea tree: Utile per favorire la funzionalità delle prime vie respiratore

·         Zenzero: utile per favorire la funzionalità digestiva